La maggior parte della gente dedica più tempo a evitare i problemi che a tentare di risolverli

La maggior parte della gente dedica più tempo ad evitare i problemi, che a tentare di risolverli (H. Ford)

martedì 21 aprile 2015

Edilizia residenziale pubblica-Acquisto dell’alloggio-Delibera ente proprietario-Perfezionamento del contratto-Esclusione-Trasmissibilità agli eredi-Non sussiste.

Corte di Appello di Campobasso, sezione civile, 14 ottobre 2014, n. 298.

Cliff Dwellers

(George Bellows, Cliff Dwellers)

In materia di trasferimento in proprietà di alloggi di edilizia economica e popolare, qualora tale trasferimento sia stato deliberato da parte dell'ente proprietario, la comunicazione agli assegnatari in locazione semplice  del prezzo di riscatto non produce un effetto perfezionativo del contratto traslativo di vendita o del preliminare di tale atto, ma costituisce il provvedimento finale del procedimento amministrativo avente effetto ricognitivo del diritto, attribuito dalla legge agli assegnatari, di acquistare l'alloggio al medesimo prezzo con successivo atto traslativo da stipularsi dal legale rappresentante dell'ente e dai singoli assegnatari conduttori degli alloggi (cfr. Cass sez. 1, sentenza n. 6852 del 24.3.2011).

Prima della formalizzazione dell'incontro dei consensi, costituita dalla conferma della domanda di riscatto a cui sia seguita l'accettazione da parte dell'istituto, non può parlarsi neppure di diritto dell'assegnatario a pretendere la valutazione della domanda.

Al riguardo ha chiarito Cass. sez. 3 con sent. del 13.11.2009, n. 24051, che il diritto dell'assegnatario di un alloggio economico e popolare alla cessione in proprietà dell'alloggio medesimo non è trasmissibile iure hereditatis, essendo correlato alle condizioni personali del titolare, che la legge attribuisce direttamente, in caso di morte dell'assegnatario, solo a determinati congiunti di costui e nella ricorrenza di apposite condizioni rimesse al preventivo accertamento della P.A.. -