La maggior parte della gente dedica più tempo a evitare i problemi che a tentare di risolverli

La maggior parte della gente dedica più tempo ad evitare i problemi, che a tentare di risolverli (H. Ford)

venerdì 24 aprile 2015

Cittadinanza italiana-Acquisto-Requisiti-Regolarità soggiorno genitori-Non è richiesto

Tribunale di Milano, Sez. I civ., 29 gennaio 2015 (est. R.Bichi)

The Representatives of Foreign Powers

(Henri Rousseau Le Douanier, I rappresenanti degli Stati stranieri)

Ai sensi dell’art. 4, co. 2, della legge n. 91/1992 lo straniero nato in Italia, che vi abbia risieduto legalmente senza interruzioni fino al raggiungimento della maggiore età, diviene cittadino se dichiara di voler acquistare la cittadinanza italiana entro un anno dalla suddetta data.

L’iscrizione anagrafica tardiva del minore non è pregiudizievole dell’acquisto della cittadinanza ove vi sia documentazione atta a dimostrare l’effettiva presenza dello stesso nel nostro Paese nel periodo (Min. Int., circ. 7.11.2007, n. 22).

Il requisito della regolarità del soggiorno dei genitori del richiedente non è previsto quale condizione per il riconoscimento della cittadinanza.

La condizione necessaria e sufficiente, insieme alla nascita in Italia ed alla dichiarazione entro il 19° anno di età, è solo la legale ed ininterrotta residenza dalla nascita al 18° anno di età dell’interessato.