La maggior parte della gente dedica più tempo a evitare i problemi che a tentare di risolverli

La maggior parte della gente dedica più tempo ad evitare i problemi, che a tentare di risolverli (H. Ford)

martedì 1 novembre 2011

Contratti pubblici–Responsabile unico procedimento-CCNL Regioni Autonomie locali–Mansioni- categorie D1 e C

Anci Risponde, Il responsabile unico del procedimento

DOMANDA:

Si chiede di sapere se come responsabile del procedimento di lavori, alla luce del nuovo regolamento attuativo DPR 207/2010 che nell'art. 9 comma 4 fa riferimento alla figura del funzionario, possa essere nominato sia il dipendente di Cat. D1 che Cat. C, essendo entrambe queste figure (D e C) presenti nel Comune.

RISPOSTA:

… il dispositivo del nuovo regolamento, rispetto al corrispondente art. 7 del vecchio regolamento Merloni (DPR n.554/1999) elimini l'ulteriore puntualizzazione secondo cui si dovrebbe comunque trattare di un funzionario tecnico "con idonea professionalità" e specifichi, in aggiunta rispetto allo stesso articolo 7, che potrebbe trattarsi di un funzionario tecnico "anche di qualifica non dirigenziale". Inoltre, l'Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici ha più volte chiarito che la capacità richiesta al soggetto è più organizzativa e propositiva che meramente tecnica. (…) . Così, discutendo della figura professionale del geometra, risulta ormai consolidato che essendo questi un tecnico e soddisfacendo, quindi, la prima condizione posta, nel caso in cui siano soddisfatte anche le ulteriori condizioni, e cioè l'adeguata professionalità (non espressamente contemplata dal nuovo regolamento) e anzianità di ruolo non inferiore a 5 anni, questi può essere tranquillamente nominato RUP. Il soggetto va prescelto tra i dipendenti di ruolo dell'ente e, la formale nomina (provvedimento ad hoc con data certa) compete al dirigente o al responsabile dell'unità organizzativa che gestisce l'intervento (competenza a : “assegnare a sé o ad altro dipendente addetto alla unità la responsabilità della istruttoria e di ogni altro adempimento inerente il singolo procedimento" ai sensi dell'art. 5 legge n.241/1990 e s.m.i.).

(…)

Alla luce di quanto chiarito, l'appartenenza alla Categoria C o D, fermo restando le declaratorie professionali contrattualmente definite e fatto salvo quanto disciplinato dal regolamento locale dei servizi e degli uffici, assume un rilievo poco rilevante nel contesto di precipuo interesse. Risulta per contro pregnante la qualifica di tecnico e la sussistenza degli ulteriori requisiti sopra citati.