La maggior parte della gente dedica più tempo a evitare i problemi che a tentare di risolverli

La maggior parte della gente dedica più tempo ad evitare i problemi, che a tentare di risolverli (H. Ford)

martedì 20 settembre 2011

Consigliere comunale-Accesso-Password sola lettura atti contabili-Ne ha diritto

Cons. Stato, Sez. V, 8 settembre 2011, n. 5058

I consiglieri comunali possono accedere a tutti gli atti (pure di tipo contabile) la cui conoscenza si riveli utile (art. 43, d.lgs. n. 267/2000) per un migliore espletamento del loro mandato elettorale (cfr. C.S., sezione V, dec. n. 5264/2007 e dec. n. 5020/2007), per cui, nel loro caso, il titolo all’accesso può legittimamente consistere anche nella acquisizione di semplici informazioni non contenute in formali documenti o di natura riservata (fermo restando il vincolo del segreto al quale sono tenuti i consiglieri comunali).

Ugualmente il consigliere ha diritto di ottenere una password mediante la quale accedere alla visione di un programma di contabilità in sola lettura.

L’atto approvato ed esistente, sebbene caducato per omessa pubblicazione, non viene meno per il fatto che sia di carattere informatico, come tale rientrante nell’ampia nozione di “documento”, nel senso più ampio del termine, senza eccezioni.