La maggior parte della gente dedica più tempo a evitare i problemi che a tentare di risolverli

La maggior parte della gente dedica più tempo ad evitare i problemi, che a tentare di risolverli (H. Ford)

giovedì 22 aprile 2010

Progressioni verticali - D.lgs. 150/09 - Disciplina transitoria


 

"Spetta pertanto all’Amministrazione locale tutelare il rispetto dei parametri costituzionali nel determinare la riserva dei posti da destinare al personale interno da riferire al totale dei posti che l’ente prevede di mettere a concorso, almeno su base annuale.L’ipotesi alternativa, prospettata nel quesito, di riferire la percentuale ai contingenti delle singole categorie messe a concorso potrebbe porre gravi problemi applicativi soprattutto per i comuni di minori dimensioni nei quali il numero dei posti disponibili risulta talmente limitato da non consentire un’adeguata equiripartizione delle fonti di acquisizione del personale."

 

"Riguardo al 2° punto del quesito si rileva che mentre l’art. 24, 1° comma del Decr. leg.vo 150/09 stabilisce che “a decorrere dal 1° gennaio 2010 le pubbliche amministrazioni coprono i posti disponibili nella dotazione organica attraverso concorsi pubblici con riserva non superiore al 50% a favore del personale interno”, l’art. 31, comma 1 e 4 impone alle Regioni e agli Enti Locali di adeguare entro il 31 dicembre 2010 i propri ordinamenti ai principi di valorizzazioni del merito contenuti nello stesso decreto.

Nelle more di tale adeguamento si applicano le disposizioni vigenti alla data di entrata in vigore del Decr. leg.vo 150/09.

In proposito si osserva che rispetto alla norma rivolta in generale alle pubbliche amministrazioni dall’art. 24 debba prevalere la disciplina speciale introdotta dall’art. 31 per gli enti territoriali ai fini di tutela dell’autonomia locale costituzionalmente garantita."

 

"Gli enti locali sono quindi tenuti a recepire entro il 31 dicembre 2010 nei propri ordinamenti i principi introdotti dal Decr. leg.vo 150/09 avendo cura di assicurare il massimo rispetto dei parametri costituzionali stabiliti in materia di accesso e tenuto conto che le procedure di cui all’art. 91, 3° comma TUEL assumono carattere residuale e limitato a particolari profili e figure professionali caratterizzate da una professionalità acquisita esclusivamente all’interno dell’ente"